top of page

Anticapitalismo nel XXI secolo: quali strategie di resistenza

L'anticapitalismo è una risposta comune e comprensibile alla devastazione che il capitalismo può causare nelle vite delle persone. Storicamente, l'anticapitalismo si è manifestato attraverso quattro logiche di resistenza: distruggere, domare, sfuggire ed erodere il capitalismo. Queste logiche spesso coesistono e si intersecano, ma ciascuna costituisce un modo distinto di rispondere ai danni del capitalismo.

1. Distruggere il capitalismo

La logica di distruggere il capitalismo è comprensibile data la potenza delle classi dominanti nel proteggere i loro interessi e difendere lo status quo. Tuttavia, le rivoluzioni del XX secolo non hanno mai portato alla creazione di un'alternativa democratica, egualitaria ed emancipatoria al capitalismo. Anche se le rivoluzioni in nome del socialismo e del comunismo hanno dimostrato che è possibile "costruire un nuovo mondo sulle ceneri del vecchio", non hanno prodotto il tipo di nuovo mondo previsto nell'ideologia rivoluzionaria.

2. Domare il capitalismo

La socialdemocrazia rappresenta l'idea di domare il capitalismo. Questa strategia mira a neutralizzare i danni del capitalismo attraverso politiche pubbliche e progetti socioeconomici. Tuttavia, la globalizzazione ha reso più difficile per lo stato neutralizzare i danni del capitalismo. Le forze politiche potenti, sostenute dall'ideologia neoliberista, hanno ridotto la capacità dello stato di regolare il capitalismo e redistribuire il reddito.

3. Sfuggire al capitalismo

Sfuggire al capitalismo è una risposta antica all'avanzata del capitalismo. Questa logica sostiene che il capitalismo è un sistema troppo potente per essere distrutto e che qualsiasi tentativo di domarlo richiederebbe un livello di azione collettiva sostenuta che è irrealistico. L'unico speranza è cercare di isolarsi dagli effetti dannosi del capitalismo.

4. Erodere il capitalismo

L'idea di erodere il capitalismo è allettante perché suggerisce che, anche quando lo stato sembra poco propenso a promuovere la giustizia sociale e il cambiamento sociale emancipatorio, c'è ancora molto da fare. Possiamo iniziare a costruire un nuovo mondo, non dalle ceneri del vecchio, ma all'interno delle intercapedini del vecchio.

Le utopie reali

Le utopie reali sono un concetto che può aiutare a collegare le due correnti di pensiero anticapitalista. Le utopie reali possono essere trovate ovunque gli ideali emancipatori sono incarnati in istituzioni esistenti e proposte per nuovi disegni istituzionali. Sono sia elementi costitutivi di una destinazione che una strategia.

Un esempio di utopia reale è il reddito di base incondizionato (UBI),che fornisce a tutti, senza condizioni, un flusso di reddito sufficiente a coprire le necessità di base. Fornisce un tenore di vita modesto, ma culturalmente rispettabile. Risolve anche il problema della fame tra i poveri, ma lo fa in modo che metta in atto un blocco di costruzione di un'alternativa emancipatoria. L'UBI doma direttamente uno dei danni del capitalismo - la povertà in mezzo all'abbondanza. Ma espande anche il potenziale per un'erosione a lungo termine della dominanza del capitalismo canalizzando le risorse verso forme economiche non capitaliste.

Un altro esempio di utopia reale è la produzione collaborativa peer-to-peer (p2p). Wikipedia è un esempio di questo modello di collaborazione, con migliaia di redattori non retribuiti in tutto il mondo che contribuiscono al bene comune e lo rendono liberamente disponibile a tutti. Se immaginiamo questo modello di collaborazione esteso al mondo della produzione di beni, non solo informazioni, allora è possibile immaginare la produzione collaborativa p2p che erode la dominanza del capitalismo.

Conclusione

L'anticapitalismo è possibile, non solo come posizione morale nei confronti dei danni e delle ingiustizie del capitalismo globale, ma come posizione pratica verso la costruzione di un'alternativa per una maggiore fioritura umana. Dobbiamo cercare di domare il capitalismo in modi che lo rendano più erodibile, ed erodere il capitalismo in modi che lo rendano più domabile. Le utopie reali sono un modo per farlo, fornendo esempi concreti di come possiamo costruire alternative emancipatorie nel mondo com'è, prefigurando il mondo com'è potrebbe essere e aiutandoci a muoverci in quella direzione.

83 views

Comments


bottom of page